Hans Liviabella

violino

Hans Liviabella, nato a Torino, appartiene ad una famiglia di musicisti: il trisnonno allievo di Rossini, il bisnonno maestro di cappella, il nonno compositore ed il padre violista con cui ha iniziato lo studio del violino all’età di quattro anni. 
Ha proseguito gli studi con Christine Anderson diplomandosi al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, con Salvatore Accardo all’Accademia Walter Stauffer di Cremona e alla Musikhochschule di Vienna con Dora Schwarzberg, dove è stato scelto tra i migliori allievi per un concerto in diretta radiofonica a Mosca in ricordo del celebre insegnante russo Yankelevič.
In seguito a un’audizione con Gidon Kremer è stato indirizzato a perfezionarsi con Maja Glezarova del Conservatorio di Mosca e grazie ad una borsa di studio dell’Associazione De Sono di Torino ha potuto approfondire la sua interpretazione musicale anche con Ştefan Gheorghiu, Franco Gulli, il Trio di Trieste e Valentin Berlinskij. 

Ha collaborato come primo violino in orchestre sinfoniche e da camera ed è regolarmente invitato dalla Chamber Orchestra of Europe, collaborando con Claudio Abbado, Nikolaus Harnoncourt, Bernard Haitink, John Eliot Gardiner, Heinz Holliger. 

Ha vinto il concorso per violino di spalla dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna e suona come prima parte nell’Orchestra della Svizzera Italiana.
Ha inciso per la casa discografica Arkadia le Sonate op. 2 e op. 5 per violino e basso di Vivaldi e per la Forlane il Concerto per violino op. 7 n. 2 di Joseph Boulogne Chevalier 
de Saint-Georges con l’Orchestra della Svizzera Italiana, recentemente eseguito alla Salle Gaveau di 
Parigi in prima mondiale.
Suona un violino Guarneri appartenente alla collezione 
Enrico Costa di Genova.