SoloDuo

Matteo Mela, chitarra
Lorenzo Micheli, chitarra

Come SoloDuo, Matteo Mela e Lorenzo Micheli hanno suonato in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Canada, in Asia e in America Latina, dalla Carnegie Hall di New York alla Konzerthaus di Vienna, dalla Sejong Hall di Seoul alla Sala delle Colonne di Kiev. Di loro il Washington Post ha scritto: «Extraordinarily sensitive, with effortless command and an almost unbearable delicacy of touch».
La loro discografia comprende i tre Quartetti op. 19 di François de Fossa (Stradivarius), i Duos Concertants di Antoine de Lhoyer (Naxos), le tre antologie Solaria, Noesis e Metamorphoses (Pomegranate), un disco sulla musica del ’600 italiano per tiorba e chitarra barocca (Stradivarius), una raccolta di opere da camera di Mauro Giuliani (Amadeus), le Sonate di Ferdinand Rebay (Stradivarius), i 24 Preludi e Fughe di Mario Castelnuovo-Tedesco (Solaria) e un disco sulla musica vocale di Alessandro Scarlatti (Stradivarius), oltre a una decina di lavori solistici per le etichette Brilliant, Kookaburra, Naxos e Stradivarius.
Matteo Mela e Lorenzo Micheli sono responsabili di una collana di musiche per due chitarre per l’editore canadese D’Oz, e insegnano rispettivamente al Conservatoire Populaire di Ginevra e alla Scuola Universitaria del Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

Matteo Mela ha iniziato giovanissimo gli studi musicali sotto la guida di Renzo Doria Miglietta. Successivamente si è trasferito a Cremona, dove, parallelamente agli studi universitari presso la facoltà di Musicologia, ha definito la propria formazione strumentale con Giovanni Puddu, frequentando anche i corsi di Angelo Gilardino, Alirio Diaz, Oscar Ghiglia, David Russell, Sergio e Odair Assad. Sul versante cameristico si è perfezionato con Dario De Rosa, Alexander Lonquich e Pier Narciso Masi all’Accademia Pianistica di Imola.
Il suo particolare interesse per la musica d’insieme lo ha portato a costituire il duo di chitarre Mela-Bandini, formazione che tra il 1991 e il 1998 è stata insignita del primo premio in importanti concorsi di musica da camera: la Selezione Aram, il Concorso Cilea di Palmi, la Selezione della GMI, il Concorso Internazionale Città di Gubbio e il Concorso Internazionale Città di Caltanissetta. In veste di solista, si è esibito presso le più autorevoli istituzioni musicali di numerose città europee e nordamericane (Roma, Milano, Bologna, Torino, Napoli, Parigi, Amburgo, Colonia, Varsavia, Oslo, Cincinnati, Phoenix, Dallas, Houston) e ha effettuato numerose registrazioni per la RAI e per emittenti radiotelevisive italiane ed estere.

Definito «l’esecutore ideale dello strumento» (Enzo Siciliano, La Repubblica), Lorenzo Micheli, chitarrista e tiorbista, ha vinto alcuni tra i più importanti concorsi di interpretazione del mondo (Gargnano, Alessandria, Guitar Foundation of America).
Negli ultimi quindici anni un’attività artistica che conta oltre cinquecento concerti - come solista, in duo e con orchestra - lo ha portato in quasi tutti i paesi europei, in centocinquanta città di Stati Uniti e Canada, in Africa, in Estremo Oriente e in America Latina.
Lorenzo Micheli tiene regolarmente masterclass per università e festival americani ed europei, ha registrato per radio e televisioni di quattro continenti e pubblicato saggi e contributi su riviste specializzate italiane e straniere.