Diego Chenna

fagotto

Diego Chenna ha studiato con Vincenzo Menghini al Conservatorio di Torino e con Sergio Azzolini alla Musikhochschule di Stoccarda. Negli stessi anni suona con la Gustav Mahler Jugendorchester e la European Union Youth Orchestra diretta da Claudio Abbado, che lo invita a suonare anche nella Lucerne Festival Orchestra e a collaborare con l’Orchestra Mozart, come insegnante, primo fagotto e solista.
Nel 1998 vince il primo premio al Fernand Gillet International Competition negli Stati Uniti e inizia la sua carriera come solista e musicista da camera. Come solista si è esibito con l’Orchestra Nazionale della Rai, l’Orchestra da Camera di Mantova, la Camerata Bern, la Camerata Zürich, i Moscow Soloists, l’European Union Chamber Orchestra, la Georgian State Symphony Orchestra, la Kammerakademie Potsdam. Nell’anno mozartiano 2006 ha eseguito il Concerto per fagotto K 191 con la Kremerata Baltica. Come primo fagotto ha collaborato con la Chamber Orchestra of Europe e la World Orchestra for Peace diretta da Valerij Gergiev.
Apprezzato musicista da camera, viene inviato ad esibirsi in diversi importanti festival europei insieme ad artisti quali Heinz Holliger, Alexander Lonquich, Gidon Kremer, Maurice Bourgue, Yuri Bashmet, Patricia Kopatchinskaja, Mario Brunello, Michel Portal, Jacques Zoon.
La sua incessante ricerca in campo musicale lo porta spesso a spingersi oltre il repertorio classico del suo strumento, su terreni innovativi: la riscoperta di musiche dimenticate, lo sviluppo di nuove tecniche esecutive, l’utilizzo della live electronics e la creazione di un nuovo repertorio oggi rappresentano il suo principale interesse. Molti compositori gli hanno dedicato alcune delle loro opere.
Attualmente è professore di fagotto alla Musikhochschule di Friburgo e Visiting Professor per la musica contemporanea all’Università di Lucerna.